In evidenza

N.8096/15 - revocabile la sentenza di separazione e divorzio se lui ha occultato le condizioni economiche

La sentenza che ha recepito accordi di separazione consensuale o di divorzio congiunto, può essere revocata se si scopre che lui ha dolosamente occultato le sue ...

continua a leggere

N.6855- Se l’ex coniuge beneficiario forma una nuova famiglia, l’assegno di divorzio va eliminato

ASSEGNO DIVORZILE – FORMAZIONE DI UNA NUOVA FAMIGLIA DI FATTO – PERDITA – SUSSISTE – CARATTERE – DEFINITIVITÀ - SUSSISTE (art. ...

continua a leggere

;

N.8096/15 – revocabile la sentenza di separazione e divorzio se lui ha occultato le condizioni economiche

La sentenza che ha recepito accordi di separazione consensuale o di divorzio congiunto, può essere revocata se si scopre che lui ha dolosamente occultato le sue condizioni patrimoniali per ottenere condizioni economiche più favorevoli. Continua a leggere

N.6855- Se l’ex coniuge beneficiario forma una nuova famiglia, l’assegno di divorzio va eliminato

ASSEGNO DIVORZILE – FORMAZIONE DI UNA NUOVA FAMIGLIA DI FATTO – PERDITA – SUSSISTE – CARATTERE – DEFINITIVITÀ – SUSSISTE (art. 5 l. 898 del 1970)

La formazione di una nuova famiglia di fatto da parte del coniuge divorziato determina la perdita definitiva dell’assegno divorzile di cui il medesimo benefici. Continua a leggere

N.6855/14 – Ti rifai una famiglia? Niente assegno

Se Se una donna divorziata si rifà una famiglia, pur senza risposarsi, non avrà più diritto agli assegni di mantenimento dell’ex coniuge: è un brindisino a far cambiare le regole che di fatto avevano consentito a migliaia di donne di percepire ugualmente il denaro limitandosi semplicemente a non risposarsi, seppur convivendo con un altro uomo. Continua a leggere

L’invasione delle scuole da parte dei corsi filo gender è in atto.

“E’ in gioco la libertà di educazione dei genitori per i loro figli. Non è una cortesia concessa a qualcuno, ma è un diritto dei genitori: diritto fondamentale che – unico caso in Europa – in Italia è stato affermato a parole, ma negato nei fatti da troppo tempo. 

Continua a leggere

N.7053/15 – Niente assegno di mantenimento per la moglie, se il marito non ha di che vivere

Con ordinanza n. 7053 depositata l’8 aprile 2015, la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, ha accolto il ricorso di un coniuge, avverso la pronuncia con cui la Corte d’Appello aveva confermato il suo obbligo – disposto dal Tribunale in sede di separazione dalla moglie – di versare in favore di quest’ultima un assegno di mantenimento. Continua a leggere