Il bullismo provoca danni gravissimi ed incancellabili sui ragazzi più miti. Bisogna pretendere sempre il completo risarcimento per dissuadere nuove aggressioni criminali.

Il bullismo non è una malattia che si trasmette, né un problema difficile da interpretare, ma soltanto un comportamento di singoli ragazzi, anche se nati mentalmente sani, che nel loro ambiente extrascolastico “lentamente sono stati portati alla furbizia” consapevolmente od inconsapevolmente, talvolta, dai genitori, amici o parenti. Il bullismo pertanto nasce da un’intelligenza che ad un tratto si blocca (perché fattorialmente incompleta, in assenza di adeguate stimolazioni culturali e morali) e comincia ad esprimere solo furbizia, sfruttando le disgrazie degli altri in proprio vantaggio, oppure per divertirsi cinicamente. Continua a leggere

Affido di minori: padre divorziato potrà farsi direttamente carico del figlio

“Il tribunale di Brindisi supera la tradizionale forma dell’assegno di mantenimento in denaro che storicamente uno dei coniugi versava al coniuge collocatario”

BRINDISI – Con una recente sentenza il tribunale di Brindisi ha riconosciuto il diritto di un padre divorziato a tenere suo figlio minorenne presso il proprio domicilio in un numero di giorni identici a quelli in cui il figlio potrà stare da sua madre, facendosi carico direttamente di tutti i bisogni del minore, senza dover versare alcuna assegno di mantenimento alla madre, ad eccezione di una piccola somma mensile in funzione meramente perequativa. Continua a leggere

Affidamento dei figli: come funziona e in base a cosa si decide?

Come funziona l’affidamento dei figli e perchè si predilige quello condiviso che tutela la bi-genitorialità?

L’affidamento dei figli è il provvedimento con il quale il giudice stabilisce a quale dei due genitori debbano essere affidati i figli in caso di separazione. Il magistrato decide come ripartire la responsabilità genitoriale tenendo conto soprattutto dell’interesse del minore. Continua a leggere

Alienazione parentale: 10 domande a Camerini, Pingitore, Lopez

Si verifica una sindrome di alienazione parentale quando, dopo la separazione, uno dei coniugi scredita la figura dell’altro davanti ai figli, fino a favorire il rifiuto di vedere il genitore.

Iniziamo subito con una domanda secca: cos’è, in sintesi, l’alienazione parentale? Continua a leggere

Il suicidio e la paura del padre

Tante, troppe risultano essere le notizie di cronaca – purtroppo anche recentissime – che riferiscono i drammatici suicidi di adolescenti e giovani che, avendo scoperto la propria omosessualità e temendo il giudizio, la riprovazione, addirittura il rifiuto (anche violento) da parte dei coetanei e, in particolar modo dei genitori, si uccidono.

Continua a leggere

Se l’ex non versa il mantenimento ti aiuta il comune

Mantenimento: se l’ex non lo versa ti aiuta il comune

In attesa che venga data attuazione alla Fondo previsto dalla Legge di Stabilità 2016, alcuni Comuni sono già organizzati
 di Lucia Izzo – Quando la coppia scoppia non è un momento facile per molte famiglie, in particolare quando la separazione o il divorzio incidono su figli minorenni a carico. Non si tratta solo di un’incidenza emotiva e sentimentale, ma anche assai pratica soprattutto in relazione a profili come l’assegnazione della casa coniugale, la separazione dei beni e il mantenimento destinato ai figli.

Continua a leggere