Papà separati, il Comune di Albenga li aiuterà nei bisogni essenziali

Albenga - municipio comune

Albenga. Ok al protocollo con l’associazione con sede a Vado Ligure.

Un protocollo d’intesa è stato sottoscritto tra il Comune e l’Associazione Papà Separati Liguria, associazione per la bigenitorialità e la tutela dei diritti dei figli nella separazione. Continua a leggere

Come liberarsi di un mutuo cointestato dopo una separazione?

Quando una coppia stipula un mutuo fondiario cointestato per l’acquisto della casa e poi si separa consensualmente, può sottrarsi al contratto. Vediamo in che modo.

Nel caso in cui una coppia si separi consensualmente e uno dei due non voglia più continuare a sostenere i costi provenienti dal mutuo può recedere dal contratto stipulato. Continua a leggere

Come sottrarsi dal mutuo casa stipulato in caso di separazione

Molti si chiedono come è possibile tutelarsi dalle Banche qualora ci sia in atto una separazione consensuale e si sia stipulato un mutuo fondiario cointestato per l’acquisto della casa.  Ecco allora le varie soluzioni a riguardo in caso ci siano o non ci siano figli. Ma la Banca, che è un soggetto estraneo alla separazione,  può agire legalmente qualora non venga preso alcun accordo e uno dei due si rifiuti di pagare? Continua a leggere

1104/15 – Se il marito mantiene la casa all’ex, deve anche le spese condominiali

Assegno tutto compreso per il marito separato condannato a pagare le spese ordinarie e straordinarie della casa in cui vive l’ex. In tali costi rientrano infatti anche le spese condominiali. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza n. 11024 di ieri (qui sotto allegata), respingendo l’appello proposto dall’uomo avverso la sentenza della Corte d’Appello di Milano che riconosceva a suo carico il versamento delle spese di acqua e condominio dell’immobile rimasto all’ex consorte.

A nulla è valsa l’eccezione sollevata dal marito il quale era convinto di dover pagare soltanto il mutuo e i costi ordinari e straordinari dell’immobile in questione, quali spese appunto “relative all’unità immobiliare di proprietà individuale” e non già anche le spese condominiali in quanto “relative alle parti di proprietà comune di un immobile”.

Ma da piazza Cavour, aderendo alle convinzioni del giudice d’appello, arriva invece il “tutto incluso”.

Non è sostenibile, ha puntualizzato infatti la Suprema Corte, “che tra le spese ordinarie e straordinarie relative a un immobile non possano ricomprendersi – per limiti lessicali – anche le spese condominiali. Vero è invece il contrario, essendo il carattere della ordinarietà o straordinarietà del tutto indipendente dal carattere condominiale o individuale delle spese inerenti a un immobile”.

Quel che conta, in sostanza, nell’appellativo “spese”, è l’inerenza delle stesse all’immobile, ha proseguito la S.C., e “non è vero che tale inerenza difetti, quanto alle spese condominiali, per il solo fatto che esse attengono alle parti comuni dell’immobile, piuttosto che alle singole unità di proprietà individuale: vi osta la stretta connessione delle parti di proprietà comune con quelle di proprietà individuale”.

Del resto, anche le spese condominiali, ha concluso la Cassazione, “sono suscettibili di essere qualificate a seconda dei casi come ordinarie o straordinarie”.

All’uomo dunque non resta che rassegnarsi a sostenere anche tali ulteriori costi, inclusi nei doveri di mantenimento.

Fonte: http://www.studiocataldi.it/

Scarica la sentenza n. 11024/2015

Continua a leggere

Scaricabili le spese per garantire la casa all’ex. Ma se ci sono i figli solo al 50%

Chi paga le spese per l’affitto o condominio dell’alloggio dove vive l’ex può dedurle dalla dichiarazione dei redditi, in quanto considerate alla stregua dell’assegno di mantenimento. Ma se la casa è abitata anche dai figli la deduzione vale la metà. Continua a leggere