Assegno di mantenimento: vi è l’obbligo di dichiarazione ai fini IRPEF?

Grava sull’amministrazione finanziaria l’onere di dimostrare, anche avvalendosi di presunzioni, l’esistenza del maggior reddito non dichiarato derivante dalla percezione dell’assegno di mantenimento

Il principio è stato affermato dai giudici tributari della Cassazione all’esito di un giudizio nel merito, instaurato tra l’Agenzia delle Entrate e un contribuente, volto a recuperare i maggiori redditi non dichiarati, derivanti dall’assegno di mantenimento periodicamente versato dall’ex coniuge.

Continua a leggere

N. 5817/18 – NIENTE ASSEGNO ALLA EX MOGLIE CHE RIFIUTA IL LAVORO

La Cassazione dà ragione alla Corte d’appello su una domanda tesa al ripristino
No all’assegno di mantenimento se l’ex moglie rifiuta proposte di lavoro.
La Cassazione ha dato torto all’ex moglie che era in grado di procurarsi redditi adeguati, ma ha immotivatamente rifiutato alcune proposte di lavoro Continua a leggere

Le spese straordinarie di mantenimento dei figli

Assegno di mantenimento dei figli: come vengono ripartite tra gli ex coniugi le spese mediche, scolastiche e di acquisto di oggetti per il tempo libero.

Finalmente arrivano le linee guida per stabilire quali sono le spese straordinarie di mantenimento dei figli, quelle cioè su cui di solito la coppia dopo il divorzio litiga maggiormente. E questo perché il giudice, nel momento in cui decide l’importo del mantenimento da versare all’ex coniuge, non può individuarle una per una. Continua a leggere

Il 709 ter cpc attiene alla responsabilità, non può piegarsi agli interessi economici delle parti.

Il 709 ter cpc attiene alla responsabilità, non può piegarsi agli interessi economici delle parti. Tribunale di Genova, decreto 18 settembre 2017

In sede di separazione il padre dei minori si obbligava alla vendita dell’immobile di proprietà, già casa familiare, ed al successivo acquisto, poi perfezionato, di altro immobile da intestare quanto alla nuda proprietà ai figli e quanto all’usufrutto alla moglie. Continua a leggere

Divorzio: evitare il mantenimento intestando la casa al figlio

Interessante sentenza del tribunale di Genova, che come associazione portiamo avanti da parecchi anni.

Le separazioni e i divorzi danno spesso vita a battaglie giudiziarie di dubbia utilità. Come nel caso della richiesta di «addebito» avanzata dal coniuge più “povero”: quest’ultimo, anche se il giudice non dovesse attribuire la colpa della separazione all’altro, avrebbe ugualmente diritto al mantenimento, per cui tutta la diatriba in tribunale ha davvero poca utilità pratica.  Continua a leggere

Vai alla barra degli strumenti